Diffidenza virale

#1 IL VASO DI PANDORA

Vito Aliperta


Il nostro interesse è rivolto soltanto alle particolari configurazioni delle cose, non allo spazio in generale o alla spazialità, che costituisce soltanto la conditio sine qua non di quelle configurazioni ma non la loro essenza specifica né il loro fattore produttivo.

Nel nono capitolo di Sociologia dedicato allo spazio, il contributo di Simmel si sofferma in particolar modo al rapporto causale tra comportamento sociale e forme spaziali dove questo si sviluppa. Simmel sostiene che lo spazio sia una forma in sé priva di efficacia ma pone in risalto la complessità dell’influenza della forma spaziale nei confronti della forma sociale. L’idea di base è che la comunità stessa sia il risultato di determinati processi i cui fattori spaziali si mescolano con fattori sociali e viceversa: da un lato lo spazio risulta assoluto come “contenitore” di uomini, cose ed eventi; dall’altro imprescindibile poichè i processi sociali necessitano di tale condizione materiale – in tempi e spazi ben definiti – la quale contribuisce ad alimentare e rafforzare determinati processi sociali. “L’elemento sociologicamente importante” in relazione allo spazio si determina dunque dai rapporti di vicinanza/distanza tra i soggetti e successivamente dalla suddivisione del gruppo stesso in base a particolari principi spaziali. Gli individui, partendo da tali premesse, modellano di conseguenza le forme delle proprie interazioni, aprendo/chiudendo la possibilità di relazionarsi tra loro.

Il momento che ci contraddistingue e che stiamo vivendo sembra stia soffrendo di una retorica di chiusura: il distanziamento sociale né è un esempio lampante. Così come i termini relativi alla quarantena e all’isolamento, il distanziamento sociale – successivamente corretto in “distanziamento personale” – predetermina una sorta di allontanamento, di distanza, di non-contatto. E, al di là dell’utilità volta al controllo o al rallentamento della diffusione del virus, tale concetto implica necessariamente una trasformazione delle nostre interazioni sociali. L’anonimato della mascherina rischia di essere accompagnato da un’impossibilità a manifestare affetto. Dalle relazioni interpersonali che hanno caratterizzato questo ultimo periodo si evince la difficoltà di esprimere emozioni condivise.

Ciò che ne consegue rivela uno scenario che potrebbe sfociare in una freddezza sociale, legata ad una maggiore ritenzione, ad un elevato senso di inibizione delle proprie interazioni sociali. Così l’assenza di un criterio oggettivo e l’eterogeneità della percezione sociale determina una particolare incertezza che, in un’ottica prettamente micro, condiziona le nostre interazioni: adesso la forza dei nostri legami è messa a dura prova dall’elevata sensazione di rischio e di paura che ne deriva. Attraverso un’ottica comunitaria, gli stessi indicatori rischiano allo stesso modo di compromettere la coesione sociale.

Dunque, riprendendo le parole di Simmel, lo spazio non è fondamentalmente una forma ma una riproduzione di se stesso attraverso la strutturazione delle interazioni sociali: è il canale dove si fa esperienza, è allo stesso tempo condizione e simbolo dei rapporti individuali. Le configurazioni spaziali presentano un ruolo essenziale perché è al loro interno che si realizzano determinati processi e l’azione reciproca degli individui si tramuta nella definizione stessa di società: le relazioni sociali si sviluppano in virtù della vicinanza/distanza tra gli attori attraverso la sensibile presenza – nel nostro caso assenza – di contatto.

Mai come ora gli angoli della nostra intimità rischiano perciò di snaturarsi, di caratterizzarsi da una sfumatura di diffidenza legata alla pervasività del virus. Ma se un giorno ci lasceremo alle spalle la pandemia in questione, non bisognerà comunque dimenticarci di un aspetto fondamentale: la connessione sociale è ciò che ci rende umani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: