#1

Peccato io non riuscissi a parlare,
peccato tu non abbia capito
quanto ogni silenzio
fosse un disperato grido d’aiuto.
E ora che posso non parlo a nessuno,
scarnifico il cuore
mettendolo in versi talmente fragili
da sembrare capillari
come la presenza dei tuoi ricordi
che, bastardi, sono ovunque.

Francesco Porro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: